Letture Golose 5: pic nic sulla Floss con torta al farro, carote e noci

Oggi parto al contrario, invece di raccontarvi un libro e abbinarci una ricetta inizio dalla torta golosissima che ho preparato per la colazione di cui – tadan! – sono rimaste solo le briciole! Ieri mi è arrivata la cassetta di frutta e verdura biologica (che ordino qui se vi interessa) con una grossa quantità di succulente carote e delle belle arance rosse. La cosa più rognosa delle carote è che bisogna pelarle, ma quelle di ieri erano molto belle e grassottelle quindi ho fatto poca fatica – e con un pupo indemoniato in giro per casa il tempo a disposizione è sempre poco, perciò prima si fa meglio è, giusto? Va bene la faccio corta, avevo ordinato anche della farina di farro e nella cesta della frutta mi erano rimaste una decina di noci. Rimugina rimugina e…ecco l’idea una bella torta di farro con carote e noci! Semplice, veloce e super golosa. Cosa vi serve? 482545_10203123826485720_1808801025_n

250 g di carote pelate e grattugiate 280 g di farina di farro (potete sostituire con farina di frumento integrale se preferite) 100 g di zucchero (io uso quello di canna) 80 g di olio (meglio se d’oliva extra vergine) mezzo bicchiere di spremuta d’arancia 1 vasetto di yogurt (io avevo quello agli agrumi, ma va bene anche bianco) 10 noci tritate grossolanamente 1/2 bustina di lievito per dolci 1 cucchiaino di bicarbonato

Mescolate le carote con la farina di farro e lo zucchero, aggiungete l’olio con la spremuta d’arancia, il vasetto di yogurt e le noci tritate grossolanamente – i pezzettini daranno croccantezza al morbidissimo dolce – infine il lievito e un cucchiaino di bicarbonato. Infornate a 180° per 30 – 35 minuti ed è fatta! ps. Potete aumentare la quantità di farina e diminuire quella di carote se vi piacciono dolci più friabili, a casa nostra piacciono molto morbidi 🙂

Il libro da abbinare? Il Mulino sulla Floss di George Elliot, atmosfera inglese ottocentesca per questo romanzo dalle tinte fosche, come si addice al periodo vittoriano di cui la Eliot fa parte. Dico “la” non a caso perchè George Eliot è lo pseudonimo di Mary Ann Evans che come l’eroina del libro, Maggie, è una ragazza intelligente e brillante in un’epoca in cui esserlo è considerato una sfortuna. Perchè le donne intelligenti sono destinate a soffrire.

La storia si svolge al Mulino di Dorlcote, sulle rive del fiume Floss, a St. Ogg’s, dove Maggie e il fratello Tom trascorrono la loro infanzia pituttosto felicemente finchè il padre, Mr. Tulliver, non cade in disgrazia e si ammala. Tocca a Tom, in quanto maschio, occuparsi della famiglia. Il rapporto fra i fratelli si fa sempre più distante, Maggie venera Tom, ma lui è figlio del proprio tempo e non può che biasimare lo spirito pensante della fanciullina. Le cose si complicano quando Maggie s’innamora del giovane Stephen e fugge…tornerà a casa, ma a che prezzo?

3 thoughts on “Letture Golose 5: pic nic sulla Floss con torta al farro, carote e noci

    1. Grazie, come sempre del tuo sostegno! Il lavoro è sempre lì in agguato, ci vorrebbero giorni di 36 ore per concedere il giusto tempo alle nostre passioni, assaporare la lunga giornata trascorsa, gustare un buon libro in tutta calma. Interiorizzare, riflettere, ripartire.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi tu, lascia il tuo commento :)