Aziende: perchè conviene assumere una mamma. 5 buoni motivi per cui mamma è meglio.

Care aziende, cari selezionatori, care agenzie interinali, questo post è dedicato a voi. Non di rado mi capita di affrontare il discorso sulla conciliazione di lavoro e famiglia con altre mamme. Pare che alla parola mamma sia abbinato un sottotesto di questo tipo: “problemi, ritardi, assenze, rotture di palle, inaffidabilità”. Ok, vi do una fantastisca notizia: mamma significa ben altro e vi dirò perchè conviene assumere una mamma.

donne_lavoro_2_800_8001. Una MAMMA E’ MULTITASKING.

Senti, senti cosa dice wikipedia: un sistema operativo con supporto per il multitasking (multiprocessualità) permette di eseguire più programmi contemporaneamente: se ad esempio viene chiesto al sistema di eseguire contemporaneamente due processi A e B, la CPU eseguirà per qualche istante il processo A, poi per qualche istante il processo B, poi tornerà ad eseguire il processo A e così via.

Ebbene, se mentre preparo la cena, do da mangiare al #pupo, rispondo al telefono e faccio partire la lavatrice, con 1 sola testa e 2 braccia, voi che dite? Mio marito – UOMO – va in crisi se deve aprire la porta di casa con il bambino in braccio…

2. Una MAMMA E’ UNA PROBLEM SOLVER PROFESSIONISTA

Helen Nonini autrice di Professione Problem Solver, saggio autobiografico che svela i misteri di questa professione dice:” bisogna avere delle doti umane e caratteriali imprescindibili, che poi possono essere affinate con il tempo, come precisione, organizzazione, resistenza fisica (bisogna imparare a dormire anche due ore per notte) e soprattutto capacità di mantenere la calma. (Leggi l’intervista su GQItalia)

Analizziamo punto per punto. Precisione: se sbaglio per un solo minuto l’ora del pasto parte una crisi isterica che al confronto un bombardamento è musica new age. Se non metto precisamente il pannolino a mio figlio è probabile che mi s’inzuppi di cacca-pipì in 36 secondi. Vado avanti? Organizzazione: si può pensare di riuscire ad uscire di casa prima di due ore con #pupo mangiato, pulito e vestito, borsa con pannolini, biberon, biscotti o altro nutrimenti per isterie improvvise, cambio d’abiti per cacarelle devastanti, ciuccio di scorta e nel frattempo essersi vestite, pettinate, aver preso la borsa del computer, la propria borsa, la lista della spesa, la cartellina del medico perchè al ritorno devi farti fare quell’impegnativa, e aver fatto l’elenco mentale delle cose da fare nelle prossime tre ore. Vado avanti? Resistenza fisica: per 9 mesi abbiamo camminato con uno zaino di almeno 10 kg sulla pancia, gli altri 3 anni li passeremo sollevando passeggino, pupo, sacchetti delle spesa e borse contemporaneamente. Dopo aver dormito 5 ore a fasi alterne. Vado avanti? Capacità di mantenere la calma: e che ve lo dico a fare?

3. Una MAMMA è UN’ESPERTA DI PR – ANCHE DIGITALI

Non si fa altro che parlare di social networking, comunità virtuali, pr digitali. Ebbene, la mamma degli anni 2000 è una Community Manager d’eccellenza: crea relazioni stabili con le altre mamme in rete, scambia opinioni sui forum, twitta e condivide idee, scarica app e le consiglia alle amiche. E’ una mamma 2.0 e, se ha aperto un blog, e non sono di parte  :), è anche in grado di calamitare interesse, di creare discussioni, di parlare con cognizione di causa di prodotto, dall’ultimo ciuccio al bibe anticolica, dalle marche più green alle pappe più salutari.

4. Una MAMMA è un PERFETTO CONTROLLER

Il Controller – o responsabile del controllo di gestione – è, secondo il sito lavoroeformazione.it,  un tecnico di alto livello che deve conoscere:

  1. natura, funzione e sistema delle imprese;
  2. strutture e processi lavorativi, relativi all’organizzazione aziendale;
  3. metodi per effettuare le rilevazioni contabili, nonché per stendere ed analizzare il bilancio;
  4. tecniche per la rilevazione del fabbisogno finanziario;
  5. applicazioni statistiche e teorie della probabilità;
  6. tecniche di previsione, di controllo e di reporting.

Adesso, chiudete gli occhi e provate a visualizzare la vostra vita, la vostra casa, la quotidianità. Fatto? Vi pare che una mamma non debba conoscere a fondo natura e funzione del sistema-casa? Che non debba saper pianificare e organizzare al dettaglio i processi lavorativi? Come farebbe a fare dieci attività al giorno, a demandare compiti a marito e figli, a supervisionare e supportarli nei loro ruoli se così non fosse? Come farebbe a fare quadrare i conti alla fine del mese se non fosse per un’accurata analisi dei flussi di cassa? Una mamma deve prevedere, pianificare, controllare, ogni santissimo giorno, il suo stramaledetto cash flow.

5. Una MAMMA è TARGET ORIENTED

Una mamma è orientata al risultato, non può perdersi in ciance. Ha sviluppato forti doti di empatia, cerca di prevenire le richieste e le eventuali crisi, non si abbatte davanti alle difficoltà studiando strategie alternative perchè deve arrivare al risultato. E cosa più importante: una mamma non si aspetta continuamente dei grazie, fa bene il suo lavoro perchè così va fatto, nel migliore dei modi possibili, questa è la  sua soddisfazione.

E mi fermo a 5…

Un’ultima cosa, come avrete notato ho appositamente titolato in inglese ogni ruolo perchè so che vi piace tanto, fa proprio figo. Mi domando, però, se il 70% delle persone che si rivolge a un selezionatore – che ama definirsi recruiter – capisce di cosa stia parlando quando dice “che le skills non fittano”, quando parla di “compliance aziendale”, quando butta lì parole come “asap, mission, smartworking”. Non è che la gente si sente inadeguata al lavoro perchè non sa di cosa diavolo state blaterando????

Ovviamente, questo post è aperto alla più discussione: ditemi perchè secondo voi #mammaèmeglio

FacebookButton

7 thoughts on “Aziende: perchè conviene assumere una mamma. 5 buoni motivi per cui mamma è meglio.

  1. Fantastico questo post. E’ così maledettamente evidente che una mamma è affidabile, efficiente, determinata, e poi tutto quello che hai scritto. Eppure le famose recruiter associano la maternità a una malattia inguaribile, da cui tenere l’azienda alla larga, e le aziende stesse non sono così smart da cogliere tutto il valore che una mamma può dare sul lavoro.

  2. Geniale!! Complimenti.. è esattamente quello che penso da quando sono diventata mamma e la realtà che mi circonda non coglie tutte le potenzialità che ho immagazzinato… inoltre faccio molte più cose in metà del tempo! La maternità porta con se anche dei superpoteri???? Ciao Alessandra

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi tu, lascia il tuo commento :)