#LettureGolose 6: la filosofia di un muffin ricotta e cioccolato

E’ un po’ di tempo che non mi dedico a questa rubrica, vero? Tutto perchè sono stata presissima a leggere, testare e preparare ricettine nuove nuove…:)! Dunque, che libro vorreste leggere nei prossimi mesi? Uno fresco fresco di stampa, un best seller, un racconto commovente? Dato che non sapevo decidermi, questa volta ve ne proporrò ben tre. Tutti meravigliosi a modo loro.

E cosa mangiamo con questi tre bellissimi libri? Ci vuole della cioccolata, ovviamente!

MuffinGrafica

Parto dall’ultimo che ho letto: Troppa Felicità di Alice Munro, vincitrice del premio Nobel per la Letteratura nel 2013. E’ una raccolta di racconti, superato il primo che vi colpisce direttamente alla pancia, beh, siete salve e riuscirete a leggere tutto il libro senza altri attacchi di cuore. No davvero, è un po’ difficile ma di una che ha detto che ha iniziato a scrivere “per salvare la Sirenetta” non vi fidereste? (Leggere per credere l’intervista su Repubblica).

Torno indietro di qualche mese con L’eleganza del riccio di Muriel Barbery, il pubblico e la critica si sono spaccati in due su questo testo, io ci ho versato qualche litro di lacrime. Sarà che con la gravidanza l’ormone impazzisce, ma mi sono commossa. E’ la storia di una portiera-filosofa,  una donna brutta, sgraziata, alla base della piramide sociale, che nasconde un segreto indicibile: la sua grande cultura. Qualcuno però arriverà scardinare tutte le sue certezze, ad abbattere un mattoncino alla volta il muro che si è costruita intorno. Ci riuscirà? E chi è quella bambina con gli occhiali rosa che si aggira per il palazzo? Io, vorrei saperlo e voi?

L’ultimo libro che vi propongo l’ho comprato, dalla disperazione, per preparare un esame universitario e…big surprise: mi è stato più utile di tutti quei maledetti manuali, bignami e compendi che avevano ampiamente dilapidato i miei risparmi. S’intitola Il mondo di Sofia, firmato Jostein Gaarder, questo romanzo che racconta con scorrevolezza ed estrema piacevolezza la storia della filosofia. Fidatevi, non è un pacco!

Muffin di ricotta al cioccolato e profumo d’arancia

  • 120 g di farina (io ho usato quella di farro avanzata dalla scorsa ricetta)
  • 100 g ricotta
  • 4 cucchiai di cacao amaro in polvere
  • 70 g di zucchero
  • 2 cucchiai di olio
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 1/ bicchiere d’acqua (o di succo d’arancia)
  • 1 fialetta d’aroma all’arancia

Il procedimento è  molto semplice: si mescolano farina, ricotta, cacao, zucchero e si aggiunge l’olio. A questo punto dovreste ottenere un composto un po’ grumoso, per renderlo elastico aggiungete circa mezzo bicchiere d’acqua (o di succo d’arancia se l’avete) e mescolate. Infine, il livieto e nel caso, aveste usato l’acqua, una fialetta d’aroma d’arancia per dargli una leggera nota fruttata. Venti minuti circa in forno a 180° e sono pronti! Nella foto ho decorato con scaglie di mandorla, ma potete benissimo lasciarli così come sono! Fatemi sapere, i miei uomini di casa li hanno divorati 🙂

One thought on “#LettureGolose 6: la filosofia di un muffin ricotta e cioccolato

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi tu, lascia il tuo commento :)