Parco urbano Ferrara

Settembre al Parco: Ferrara e Valeggio, per una domenica con i bambini

Ai vostri bambini piacciono i parchi? E gli animali? Scommetto di sì, e scommetto che un po’ piacciono anche a voi. Nei miei vagabondaggi in giro per l’Europa, non ho mai omesso di poltrire in un grande parco urbano. Con mio marito, mi sono innamorata dei giardini di Parigi e dei grandi parchi viennesi, col Piccolo Nerd e l’allegra combriccola dell’amica Sognando Cupcake abbiamo scoperto i parchi di Dublino, con tutta la famiglia abbiamo trascorso un Natale meraviglioso al Parc de l’Orangerie di Strasburgo (eh, sì, giuro devo darvi tutti i dettagli!).

Ma, poi, come spesso accade, non vediamo le incredibili bellezze che abbiamo a due passi da casa. Perché viaggiare non significa macinare chilometri, ma scoprire il mondo un pezzetto alla volta. Così, d’impulso, domenica abbiamo preso l’auto e siamo andati a Ferrara – città, tra l’altro, incantevole – per il Ferrara Ballons Festival: la grande festa delle mongolfiere ospitate nel Parco Urbano Giorgio Bassani (eh, sì, lo so che state già pensando a quel libro stupendo che è il Giardino dei Finzi-Contini).

Solo un altro parco in Italia mi ha entusiasmato così tanto come quello ferrarese e, guarda un po’, anche questo si trova in Emilia Romagna: il Parco Ducale di Parma, che fu meta di un viaggio giovanile e mi è rimasto nel cuore.

Parco Urbano Giorgio Bassani, Ferrara

Già all’ingresso, il Parco di Ferrara vi farà innamorare per quel ponticello di legno che segna l’accesso alla zona più intima, con il salice piangente chinato sul verde brillante dell’acqua, degno di un quadro di Monet. E poi lo spazio, tanto spazio, che s’allarga fin dove potete gettare lo sguardo.

Parco urbano ferrara

L’occasione per noi è stato il Festival delle Mongolfiere, quindi abbiamo visto un parco invaso da food truck, gonfiabili, giostre, aree dedicate all’educazione stradale, Pompieropoli, stand, laboratori, aquiloni e – ovviamente – palloni aerostatici; ma nella quotidianità è sicuramente altrettanto spettacolare. Un’ampia zona è adibita a parcogiochi, immersa nella tranquillità e sicurezza, con alberi frondosi a fare da cornice, mentre un chiosco in legno serve bibite, primi piatti, panini e caffè, ed è dotato di sdraiette per rilassarsi e, perché no, prendere il sole. Sarà che a me gli emiliani piacciono, ma ho avuto une bellissima sensazione di “casa”. Uno di quei luoghi in cui ti ci potresti trasferire all’istante e starci bene da subito.

Parco Giardino Sigurtà, Valeggio sul Mincio

Diversissimo, ma altrettanto affascinante, è il Parco Giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio – e qui giochiamo in casa, visto che siamo veronesi – a cui destiniamo almeno una visita all’anno.  Vero è che questo parco non ha bisogno di tante presentazioni, visto che tra i premi vinti c’è “Secondo Parco Più Bello d’Europa” agli European Garden Award 2015.

Aperto fino a novembre, questo immenso giardino fiorito vi meraviglierà con i colori delle 30 mila rose in fiore, con i suoi angoli più suggestivi come il giardino acquatico  e il labirinto (dentro al quale, ci siamo persi!). E per i bambini, fondamentale una sosta alla fattoria didattica o la partecipazione ad una delle tante attività proposte dallo staff del parco.

Parco giardino sigurtà

photogallery_wutfrwm0
Foto dall’archivio del sito www.sigurta.it

E voi? Quali parchi conoscete e amate? Avete già programmato qualche gita con i bambini per settembre?

Ci sono parchi così belli nelle vostre città? Aspetto di saperlo qui sotto nei commenti, oppure su Facebook, mi trovate sulla Fan Page / Mammasfigata oppure nel gruppo Unadomenicaitaliana! Non vedo l’ora di leggere le vostre idee 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi tu, lascia il tuo commento :)