Maschio e femmina, differenze, gender

Maschio e femmina li creò. La strada delle discriminazioni è lastricata di buone opinioni

Maschio e femmina è così orrendo? Così orrendo essere diversi e complementari? Così orrendo essere biologicamente differenti, ma indispensabili l’uno per l’altro? Io non vorrei essere un uomo, io ci sto bene nel mio corpo di donna. Sono orgogliosa, felice, soddisfatta della mia sessualità. E sono felice di avere un marito e due figli maschi, ma sarei felice ugualmente se fossero due femmine. Scontato? Non … Continue reading Maschio e femmina li creò. La strada delle discriminazioni è lastricata di buone opinioni

Enciclopedie per bambini

Piccole enciclopedie per bambini curiosi (e genitori preparati)

Mamma che cos’è questo? Mamma perchè si fa così? Mamma da dove viene quello? Alzi la mano chi non deve rispondere ad almeno  una di queste domande tutti i giorni. E meno male! La curiosità innata dei bambini è un toccasana, anche, per gli adulti che scoprono e ri-scorprono che uno stegosauro, un triceratopo e un tirannosauro sono tre dinosauri completamente diversi – eh, si fa presto a dire dinosauro! – che esistono insetti come la dorifera della patata, che la libellula depressa si chiama così per la conformazione del suo addome e non ha nulla a che fare con l’assunzione del prozac, che l’ecopelle è un derivato del petrolio (alla faccia del green think).

Ma, come fare per colmare le nostre lacune?

Continue reading “Piccole enciclopedie per bambini curiosi (e genitori preparati)”

Un Museo per i Bambini: la nostra giornata al MUBA di Milano

Esiste un museo dedicato ai bambini a Milano. Davvero, un luogo magico dove i più piccoli possono esploare, sperimentare, inventare, capire. Noi ci siamo andati domenica scorsa, il MUBA Museo dei Bambini Milano, è  un centro di cultura dedicato all’infanzia, inaugurato nel gennaio 2014, nello splendido spazio della Rotonda di via Besana.  Lo spazio espostivo si trova nell’edificio principale, la Chiesa di San Michele (ora sconsacrata), ed è circondato da un parco storico, chiuso da mura circolari. Il parco è liberamente accessibile anche da chi non entra al museo. Il Muba è sede di Remida Milano, centro permanente del riuso creativo dei materiali di scarto aziendale, che organizza le attività laboratoriali per bambini dai 2 agli 11 anni. Noi, arrivando da Verona, quindi con un’ora e mezza di strada circa, abbiamo prenotato il laboratorio delle 11.30. Siamo però arrivati alle 10.20, ma nessun problema!, all’interno del Muba, infatti, la zona d’accoglienza è già incantata e a misura di bimbo.

Continue reading “Un Museo per i Bambini: la nostra giornata al MUBA di Milano”

Giornata mondiale del libro: 8 libri per mamme e bambini [ E il mio #ioleggoperché ]

Oggi, 23 aprile 2015, è la Giornata Mondiale del libro. Le iniziative abbondano (per fortuna) anche in Italia e spopolano sul web. Nel mio piccolo, vi ho spesso raccontato le mie letture su questo blog, più o meno esplicitamente, infatti molti dei miei post sono ispirati o accompagnati da commenti su libri, riviste.

Quindi, approfitto, di questo hashtag meraviglioso per dirvi…

#IOLEGGOPERCHÉ:

Continue reading “Giornata mondiale del libro: 8 libri per mamme e bambini [ E il mio #ioleggoperché ]”

Di Asili, Inserimenti &Co. Italia vs Resto del mondo

Delle tante cose strane che mi sono successe da quando sono mamma, la più stranissima di tutte è l’inserimento al nido o, per meglio dire, la concezione molto italiana di come si debba fare questo inserimento.  Prassi comune è il terroristico “3 settimane per l’adattamento”, nella maggioranza dei casi si conclude in 2, qualche fortunella riesce a cavarsela in 1 sola settimana. Inutile dirvi che questa situazione, soprattutto se improvvisata, non agevola in alcun modo le madri lavoratrici. Tanto più se i bambini da inserire sono due, in due classi diverse, o – nella peggiore delle ipotesi – in due scuole diverse. Ma serve davvero tutto questo tempo?

Chi mi conosce  sa che non mi accontento mai di ciò che mi viene riferito come buono e giusto, né riesco a tacitare i miei dubbi, insomma, non posso fare a meno di farmi delle domande e di farle agli altri. Quindi twitter alla mano, ho cominciato a capire come gira la faccenda all’estero e, indovinate un po’? Pare proprio che i cugini d’Oltralpe la vedano un pelino più semplice,  ma anche i canadesi non scherzano, e gli irlandesi poi… Volete sapere cosa mi hanno raccontate le mie amiche mamme expat?

Continue reading “Di Asili, Inserimenti &Co. Italia vs Resto del mondo”

Bilingue sì o no? Come s’impara una lingua da piccoli?

Come si impara una lingua da piccoli? Il bilinguismo è un bene o un male? Ma se deve ancora padroneggiare bene l’italiano come si può pretendere che parli anche l’inglese? Queste domande, ormai, sono all’ordine del giorno. Premetto che ho sempre creduto nell’importanza della lingua straniera, io stessa ho frequentato una scuola media sperimentale in cui si insegnavano due lingue e, a seguire, alle superiori tre lingue, ma concludo dicendo che non ne no so parlare bene neanche una. Ed è vergognoso. Che sia io la tonta?

S’impara con l’esperienza

Da quando sono mamma, ho scoperto un’infinita di cose sull’essere umano, sull’evoluzione, sulla crescita e sull’intelligenza innata. Non serve uno scienziato per dirci che l’acqusizione di qualsiasi tipo di abilità passa dall’esperienza continua e diretta. I nostri figli imparano a camminare, mangiare, parlare perchè tentano e ritentano e non perchè forniamo loro manuali di istruzioni e tomi di grammatica. Palletta ha una proprietà di linguaggio di molto superiore alla media, dato che a 30 mesi fa discorsi complessi e davanti alla copertina del Re Leone mi dice: “mamma, hai visto? Ci sono il leone, il facocero e il suricato” (#datemiundizionario!). Ecco, io penso derivi da diversi fattori: lui è particolarmente ricettivo, io parlo a mio figlio come fosse un adulto, leggiamo libri non adatti alla sua età (quella sulla copertina), è stato a contatto con bambini più grandi.

Ora mi domando, se fosse cresciuto in un contensto bilingue, avrebbe raggiunto lo stesso livello di padronanza? Continue reading “Bilingue sì o no? Come s’impara una lingua da piccoli?”

Ciuccio: amico o nemico? Quanto ne sapete realmente?

Sorvolo sul fatto che questo post l’avevo già scritto ieri sera e poi, cavolo di un cavolo, wordpress mi ha fatto la sorpresa di cambiare le modalità di inserimento bozze e salvataggio ed, io, da mamma sfigata al par mio, ho tirato lo sciacquone sul lavoro di un’ora! No comment. Ma passiamo oltre. Chi segue questo blog sa che l’argomento ciuccio è già stato intrapreso … Continue reading Ciuccio: amico o nemico? Quanto ne sapete realmente?