social network e mamme

Toglietele WhatsApp! (ma pure Facebook…)

“Toglietele whatsApp! (ma pure facebook)”, lo so che finirà così, fra 5-6 anni, quando i miei bambini avranno un’età per cui potranno avere un cellulare. Eh, sì, ridete pure, ma alle elementari un telefonino tuo non ce lo vuoi avere? A quale età è consigliato regalare uno smartphone ad un bambino? Mai. La cosa migliore sarebbe toglierlo pure alla madre. E ve lo dico con cognizione … Continue reading Toglietele WhatsApp! (ma pure Facebook…)

trova la babysitter perfetta per i tuoi figli

Come trovare la babysitter perfetta in un click

Ah le babysitter, gioie e dolori! L’inverno è alle porte, l’autunno è già entrato in casa e si è accomodato in salotto insieme agli amici raffreddore, tosse e cacarella. I nonni, se hai la fortuna di averli e se hai la doppia fortuna che siano disponibili, sono mezzi ammaccati. E tu: non sai ancora quale carico di lavoro ti toccherà/hai consumato tutte le ferie nei … Continue reading Come trovare la babysitter perfetta in un click

Smettere di farsi i problemi, vivere la propria vita di madre serena

Perché non me ne frega niente se i tuoi figli sono (o non sono) la tua vita

Sono mesi che leggo articoli bambino-centrici, con figli tiranni detentori del diritto simil-feudale di essere al centro, anzi di essere la vita stessa di genitori asserviti e servili. E botte e risposte, attacchi, contrattacchi di madri imbufalite che rivendicano con foga – ma con pigrizia di motivazioni – il proprio ruolo nel mondo, come donne e, il più delle volte, come lavoratrici. Ultimamente si è aggiunta anche … Continue reading Perché non me ne frega niente se i tuoi figli sono (o non sono) la tua vita

borsa mamma imperfetta

Lettera aperta alle mamme perfette

Cara mamma perfetta, volevo essere come te. Bella, sempre in ordine, col tacco alto e il capello shatushato, che mesciato ormai è demodè. Volevo avere dei figli a fotocopia, vestiti in blu Armani e rosso Valentino, come se ogni giorno fosse quello della Prima Comunione. Al parco, impeccabili, i tuoi figli scivolano con grazia, corrono senza sudare, giocano senza sporcarsi. Lindi, ligi, fighi. Volevo essere … Continue reading Lettera aperta alle mamme perfette

Giornata mondiale del libro: 8 libri per mamme e bambini [ E il mio #ioleggoperché ]

Oggi, 23 aprile 2015, è la Giornata Mondiale del libro. Le iniziative abbondano (per fortuna) anche in Italia e spopolano sul web. Nel mio piccolo, vi ho spesso raccontato le mie letture su questo blog, più o meno esplicitamente, infatti molti dei miei post sono ispirati o accompagnati da commenti su libri, riviste.

Quindi, approfitto, di questo hashtag meraviglioso per dirvi…

#IOLEGGOPERCHÉ:

Continue reading “Giornata mondiale del libro: 8 libri per mamme e bambini [ E il mio #ioleggoperché ]”

Imparare a dire di NO per la sopravvivenza delle specie

Che ci crediate o meno, sto imparando a dire di NO. Ci ho messo solo 32 anni, un marito, due figli e una Partita Iva a capire che il NO è l’unico modo per mettermi al sicuro dalla follia. Che poi, vabbè, devo essere sincera, non è mi riesca così bene… anzi. Però, ci sto provando seriamente, mi ci sto mettendo con tutto l’impegno di cui sono capace.

Siamo cresciute a pane e sensi di colpa, credendo che rifiutare, farsi da parte e non sobbarcarsi di tutti i problemi della famiglia, fosse egoismo. Beh, mi sono data una notizia strabiliante da sola: non è vero. Egoismo è credere di poter far tutto, lasciando agli altri solo le briciole. Ed è pure egocentrismo: sono una super donna, gli altri non mi servono. Ma è davvero così? Vorrei per una volta guardare in faccia la realtà: da sola non ce la faccio.

Continue reading “Imparare a dire di NO per la sopravvivenza delle specie”

Come scegliere le scuola materna? Pubblica, paritaria o privata?

Come scegliere la scuola materna? Pubblica, paritaria o privata? Questo è il problema! Mai dubbio fu più amletico di così… ma anche no! Come prima cosa vorrei dire che questo è un post polemico, irritante, a tratti allucinante. Mamme avvisate.

LA SCUOLA PUBBLICA

La scuola pubblica l’ho scartata a priori. Ecco, mi preparo al lancio di strali e anatemi. Vorrei spiegare, però. Ero una grande sostenitrice del pubblico, della res pubblica, anche in ossequio alle mie convinzioni pseudo-politiche. Un po’ sinistrologicamnte schierata, ma neanche troppo, diciamo una sinistra che si avvicina molto al centro, a tratti anche a destra, molto a destra. Diciamo che non riesco più a distinguere la destra dalla sinistra, anzi che ho sempre fatto abbastanza confusione. La destra? Mmm… è quella che tiene la penna! Ah, già già, or mi sovviene.

Comunque, io sono cresciuta a pane e scuola pubblica, anzi giravano strane voci sui frequentatori di scuole private: “porello, è che non ci arriva! I genitori sono costretti a pagare per fargli prendere uno straccio di diploma!”. Considerando che il diploma oggi lo puoi usare veramente come uno straccio, forse, non erano neanche delle osservazioni così fuori luogo. Poniamo, comunque, col beneficio del dubbio, che quelle mezze frasi fossero pur vere, all’università la situazione cambiava e molto: la Bocconi, lo Iulm, la Cattolica, altro che sfigati, quelle sì che erano UNIVERSITA’.

Continue reading “Come scegliere le scuola materna? Pubblica, paritaria o privata?”

#guardachesonodue. Se l’amore (e la fatica) si raddoppia

Il bello di avere due figli è che, se qualcuno in uno slancio d’affetto o di follia, decide di tenertene uno, beh, quel fortunato giorno ti sembra di essere in vacanza. I tempi improvvisamente si dilatano, scopri di avere ancora un po’ di minuti, chessò,  per metterti il gloss e il mascara prima della passeggiatina. È una bella sensazione di leggerezza. Perchè se entrambi i … Continue reading #guardachesonodue. Se l’amore (e la fatica) si raddoppia